martedì 3 marzo 2015

Miscellanea

Avete presente quel vocione a metà strada tra Luca Ward e un orco di caverna che prima della puntata di ogni telefilm declama: "nelle puntate precedenti...". Ecco, a cosa serve questo genere di post. A darvi un quadro generale di cosa è successo fin ora e su cosa succederà in futuro sul canale e sul blog.

Partiamo con l'aggiornamento video che non faccio da un bel po'. Nel caso qualcuno se li fosse persi, questi sono gli ultimi consigli di lettura. L'estenuante chiacchierata questa volta si è incentrata su due titoli abbastanza recenti: Il cerchio di Dave Eggers (un distopico scritto bene, incredibile) e La morte del padre di Karl Ove Knausgard, un omone scandinavo che vi trafiggerà il cuore raccontandovi la sua vita - apparentemente ordinaria, come ogni esistenza - attraverso un flusso ininterrotto di riflessioni, ricordi e visioni. Ah, dimenticavo di dirvi che è un tomone di quasi cinquecento pagine. Adatto a chi cerca big books da scalare per questo 2015. Per gli intrepidi.


 Altro video estremamente chiacchiericcio, il più classico dei book haul (tradotto: bottino letterario).
Non ne registravo da tre mesi  e vi assicuro che in tre mesi si accumulano tanti libri. Soprattutto se cadono tra Natale e il tuo compleanno. Mettetevi comodi.



Da un paio di mesi, curo una rubrichina per un sito adorabile unacasasullalbero.com  . Che ci crediate o meno, riesco a parlare di libri in modo molto più posato e serio di quanto non faccia sul blog (specialmente quando scrivo questi post scanzonati) e le recensioni su una casa sull'albero ne sono una prova. Fino ad oggi, ho parlato di Open di Agassi, Chesil beach di McEwan, Mabel dice sì di Luca Ricci, Morte di un uomo felice di Giorgio Fontana. Trovate tutti i pezzi qui. C'è anche l'ultima lettura Democracy di Joan Didion.

"Siamo stati insieme tutta la vita. Se conta il pensiero".

Nel caso vogliate conoscere la mia opinione sulla folgorante scrittrice nordamericana, colonna portante del new journalism e ultimamente anche icona di Celine, non vi resta che sbirciare nel link.
L'intelligenza è di moda. Era ora, ragazzi.

Concludo questo post delirante lasciandovi con l'immagine meravigliosa che mi ha fatto ridere per una buona mezz'ora con le lacrime agli occhi. Lo so, mi accontento di poco ma io la trovo davvero geniale e aspetto di capire dove procurarmi il poster, la stampa per la maglietta con cui andrò a dormire ogni notte, le penne, i quaderni e tutto il merchandising di quest'idea perfetta.  
Non solo lo voglio, mi serve. 
Appena creata sul blog la categoria: post scazzoni. 

Nessun commento:

Posta un commento