mercoledì 8 maggio 2013

Una splendida schifezza noto agli ingenui come "Uno splendido disastro"


http://2.bp.blogspot.com/-75WhAEQhxiY/UQ6JobT6q0I/AAAAAAAAFEk/sxrjl31sGxI/s1600/uno+splendido+disastro.JPGSo che più volte ho espresso il mio disappunto verso quelli che recensicono romanzi mediocri per darsi un tono (infatti è raro che io lo faccia sia sul canale YouTube sia sul blog, anzi, probabilmente non l'ho mai fatto). Non è la mia intenzione. Ma il problema di questo romanzo non è che sia brutto  (questo era già facilmente intuibile dal titolo) quanto che sia OFFENSIVO oltre ogni limite. Sessismo e superficialità a palate. Incredibile come si riesca ancora a idealizzare certi modelli violenti e farli passare come "romantici". Godetevi questo lunghissimo sfogo (sì, lo so che dura quanto un episodio di game of thrones). Ho solo cercato di capire come queste narrazioni possano essere sdoganate soprattutto se rivolte ad un pubblico di ragazzine. Per il resto, vi prometto per la mia salute mentale che non leggerò MAI più romanzi di siffatta natura. E anche se lo facessi, non vi ammorberei con un mio video a riguardo. Saluti!


12 commenti:

  1. Ho passato i 47 minuti e 56 secondi più divertenti della mia vita!
    Questo romanzo (romanzo?) supera in delirio qualsiasi libro di Fabio Volo. .-.

    Forse la petizione per portarlo in Italia è stata fatta da chi adora la comicità trash-demenziale, non si spiega altrimenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è tutto serissimo. Poveri noi.

      Elimina
  2. Ho scoperto il tuo blog e canale yt per caso, ma ti amo già!! :D

    RispondiElimina
  3. Sessismo è una parola che negli ultimi mesi salta un po' in bocca a tutti, ma non andrebbe sprecata per romanzetti pseudo-harmony che nessun lettore con un minimo di esperienza prenderebbe sul serio -che poi piacciano o non piacciano, questa è un'altra storia.
    Tu lo hai fatto (hai preso questo libro sul serio) perché, come molti prima di te, ti sei fatta ingannare dalla copertina, dalle fascette pubblicitarie e dalla firma di una prestigiosa casa editrice. Ma questa è colpa tua, né del libro né della sua autrice, perché un blogger degno di questo nome dovrebbe saper fiutare gli imbrogli editoriali e i libri-cazzata a chilometri di distanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente non hai letto né la descrizione sotto il video né hai guardato i primi secondi del video dove ho espressamente detto che non ho parlato del libro perché sono sconvolta dal fatto che sia brutto (ma dai?) ma dal fatto che viene fatta un'apologia della violenza e dello stalking e della disinformazione sulla contraccezione. Se pensi che abbia preso sul serio lo scrittore, ancora una volta, è perché non hai sentito nulla di quello che dico nel video. Il discorso sulla colpa è assurdo. Le ragazzine che comprano questi libri non hanno gli strumenti spesso per discernere in maniera lucida ergo è colpa delle case editrici e del loro bombardamento mediatico su una certa fascia di pubblico. Sulle quarantenni che leggono cinquanta sfumature invece è un altro discorso. Conclundo dicendo che come potrai notare nel mio blog non parlo MAI di questi romanzetti. Bensì lo spazio occupato per autori di tutt'altro peso è preponderante (ma d'altronde tu ti sei preoccupata di commentare questo post e non la recensione di un Mo Yan o di un McCarthy, come mai?).

      Elimina
    2. Il termine sessismo è più che adeguato.

      Elimina
    3. Sarò di poche parole perché 'chi vuol intendere intenda...
      Primo: se ricerchi un messaggio morale in un libro, lo prendi MOLTO PIU' SUL SERIO rispetto a quando ne commenti lo stile.
      Secondo: non ho commentato la recensione di un Mp Yan o di un McCarthy perché se fai polemica o recensisci negativamente un libro ti spammano su facebook, mentre se scrivi qualcosa di costruttivo nessuno ti calcola (c'è bisogno che aggiunga 'purtroppo'?).
      Terzo: abusare delle parole significa svuotarle di significato. Preoccupati del sessismo (ahimé, anch'esso fin troppo strumentalizzato) che sentiamo al telegiornale, non del sessismo di un harmony di cui tra un paio di anni non si ricorderà più nessuno.
      Questa discussione si sta facendo fin troppo fatua e assurda. Ciao.

      Elimina
    4. Ma scusa che ne sai che non mi preoccupo del sessismo nei telegiornali? Non ha né capo né coda quest'affermazione. Questo è un blog di libri, parlo di quello che c'è nei romanzi. Non sono una sociologa. Non ricerco un messaggio morale, non mi aspetto che ci sia un'apologia della violenza e dell'impunità (per altro irrealistica), questo non è ricercare un messaggio ma pretendere una decenza. Continui ad usare questo termine "harmony" quando questo libro non è spacciato come tale ed è destinato a delle ragazzine che assimileranno modelli ridicoli (che è forse ancora più grave dell'essere immorali). Stai facendo polemica su un discorso che è stato da subito molto chiaro: non voglio parlare del fatto che questo libro sia EVIDENTEMENTE futile (questo sarebbe ipocrita e "moralistico") ma del fatto che sia un'enorme bugia offensiva e sessista (ci sono delle scene dove i metodi anticoncezionali sono "spiegati" in maniera grottesca). Tra l'altro trovo molto più dannoso il modello della ragazzina qualunque in un romanzo che viene comandata a bacchetta dallo scimmione di turno rispetto ad una soubrette mezza nuda in tv.

      Elimina
  4. La cosa che mi ha stupita è che ho letto recensioni entusiaste da parte di gente che non reputavo affatto così bacata, perché a me sinceramente questo libro (che non ho neanche mai visto al di fuori dello schermo del computer, per ora) mi suscitava orticaria già dal titolo e a proseguire con la copertina. La trama poi dava il colpo di grazia. Leggendo però di alcuni lettori affidabili che ne parlavano bene, mi sono chiesta se non avessi qualche pregiudizio di troppo verso un certo tipo di narrativa. Per fortuna sei arrivata tu con questa bellissima recensione a rimettere le cose a posto. Era esattamente così che me l'immaginavo e - sia chiaro - non avevo la minima intenzione di leggerlo. Meno che mai dopo aver ascoltato la tua traumatica esperienza. Sembra "Tre metri sopra il cielo" con qualcosa di peggio. La domanda resta una: PERCHE'??

    RispondiElimina
  5. La recensione più divertente che abbia mai sentito, complimenti!
    Concordo su tutto, ho odiato questo "libro" con tutto il cuore. E Abby? La protagonista più idiota di cui abbia mai letto, con i suoi ridicoli maglioncini!

    http://www.bauledinchiostro.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Ciao! So che non ti conosco (tanto piacere, sono Frannie :P), ma sei ufficialmente diventata il mio mito! Questa recensione è magnifica, i 48 minuti del video rientrano forse tra i più divertenti della mia vita!
    Non ho letto questo libro (grazie al cielo!!) ma mi sono venuti i brividi solo a leggere le recensioni nevarive scritte al riguardo. Roba veramente da non crederci...
    Davvero i miei più sentiti complimenti! Sicuramente seguirò il tuo blog, bravissima! ^.^

    RispondiElimina