lunedì 29 aprile 2013

La lista dei desideri (nuova rubrica inutile)


Inaugurata una nuova rubrichetta striminzita su un argomento che affligge milioni di lettori compulsivi in tutto il mondo. E noi siamo qui per ascoltarvi e frignare insieme a voi. Terapia di gruppo. Non guarirete mai. Anzi, probabilmente peggiorerete. Infatti, signore e signori, questa è la lista desideri mensile. In cosa consiste? Ma è chiaro! Buttare giù i titoli di libri di cui avete sentito parlare e che vi hanno incuriosito (nel caso della sottoscritta, che si sono conficcati nella corteccia cerebrale come chiodi inamovibili). Solo che anziché farlo in post-it svolazzanti, cartigienica, tovagliolini unti, fogli di quaderno stracciati con violenza o sulla vostra stessa pelle (chi di noi non ha usato le mani come moleskine?), lo faremo sul blog.
  • Il signore degli Orfani, Adam Johnson. Questo signore qui ha vinto il Pulitzer e per ovvie ragioni voglio sapere a memoria la sua biografia, il suo indirizzo, la sua email e sì, vorrei anche leggere il suo romanzo.
  • In territorio nemico, Sic (Scrittura industriale collettiva). Esperimento di scrittura collettiva tutto italiano, edito dalla minumum fax. Mi sembra favoloso. Poi sarà anche la campagna martellante su Twitter ad avermi deviato. 
  • La schiuma dei giorni, Boris Vian. Sta uscendo il nuovo film di Gondry, basato su questo romanzo del 1947 edito da Marcos y Marcos. Devo aggiungere altro? Qui il trailer. 
  • Yellow Birds, Kevin Powers. Nuovo gioiellino Einaudi. Ne parlano tutti. Ne parlano tutti bene. La copertina è bellissima. Parla di dolore e guerra. E pare ne parli stra bene. Basta?
  • C.U.B.A.M.S.C. aka Con una bomba a mano sul cuore, Marco Cubeddu. Potrebbe essere una schifezza colossale (diffidate sempre dai titoli con gli acronimi) ma potrebbe anche essere favoloso. Insomma, è un rischio e per questo lo voglio.
  • Episodi incendiari assortiti, David Means. Non c'è un vero motivo per questo. Uno di quei titoli che leggi sbadatamente sui titoli dell'opera "coast to coast" del Sole 24 ore, poi scopri che è edito dalla minumum e lo vuoi.  
  • Nathan Englander. Finalista del Pulitzer, non ha vinto per un soffio. Mi attirano sia Per alleviare insopportabili insulti che Di cosa parliamo quando parliamo di Anne Frank
  • Harry, rivisto - Mark Sarvas. Consigliato dal mio utente-guida su aNobii. Devo averlo.
  • Orientarsi con le stelle, Raymond Carver. Nuova raccolta di poesie dello scrittore sacro americano. Di lui vergognosamente non ho letto ancora nulla e il motivo per cui sto esitando a comprare questo gioiellino (di cui ho anche letto l'anteprima in pdf e me ne sono innamorata) è che non sono sicura di voler iniziare dalle sue poesie, visto che è lo stregone dei racconti. Indecisione massima. 
Premio copertina "non ti stacco gli occhi di dosso"

10 commenti:

  1. Vuoi proprio tutta la lista qua sotto?? :D Tanto è inutile, sono tutti libri che hai consigliato tu quindi è intuile che loi scrivo!XD Te l'ho etto, stai diventando la mia rovina! L'unico che avevo troppa voglia di leggere e che è già passato dalla mia wishlist del mese alla mia lireria, è Se una notte d'inverno un viaggiatore. E non vedo l'ora di cominciarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, se una notte d'inverno dovrei leggerlo per un esame in questi mesi :) Sì, naturalmente questo post rappresenta solo la punta dell'iceberg della mia wishlist ahaha

      Elimina
  2. Si va bè...c'ho la tastiera che si mangia le lettere!XD

    RispondiElimina
  3. Sarà pure striminzita ma è una rubrichetta tutt'altro che inutile secondo me.Infatti il mondo è pieno di lettori compulsivi.Io per esempio non lo ero ma lo sono diventato quell'infausto giorno in cui navigando a caso mi imbattei in uno dei tuoi magnetici video su youtube e subito dopo lessi una formidabile recensione sul tuo blog e poco dopo scoprii che avrei potuto trovarti pure su twitter.Da quel momento i libri di cui ho sentito parlare,di cui ho letto qualche pagina e che mi hanno incuriosito sono: La collina dei conigli,Noi di Zamjatin,tutti i libri di Lemony Snicket,non buttiamoci giù di Nick Hornby,un luogo incerto di Fred Vargas,la mappa del tempo,il panico quotidiano di Frascella e sono in attesa di ricevere dalla biblioteca il posto dei miracoli di Grace McCleen e canada di Ford mentre termino di leggere saggio sulla lucidità di Saramago e il lupo della steppa di Hermann Hesse(questi ultimi due me li sono andati a cercare da solo per fortuna).Alla luce di ciò,mi accorgo di avere bisogno di un Kobo che mi aiuti a leggere in maniera più spedita oppure smettere di seguirti e ritornare quella capra ignorante che ero.. peraltro ho volutamente ignorato signorina cuorinfranti e la tua lista pubblicata sopra,altrimenti sarei nella cacca fino al collo!!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi commenti mi rendono felicissima :) Mi dispiace per il tuo portafoglio! Spero continuerai a seguire i miei consigli così appassionatamente! Ottime scelte! Saramago è fantastico, come avrai potuto notare da te! Benvenuto nel club dei lettori compulsivi :)

      Elimina
  4. Ciao :)
    Ovviamente ho aggiunto su aNobii quasi tutti i libri che hai indicato tu in questo post, un paio ("Yellow Birds" e "La schiuma dei giorni") li ho messi anche nella lista Ibs di mia madre nella speranza che finiscano "casualmente" in un suo ordine. Ti seguo da parecchio, seguo sia i tuoi video che il tuo blog e continuo ad aggiungere libri alla mia lista che è già esageratamente lunga. Ho scoperto "Storia parziale delle cause perse" e "Noi" di Zamjatin proprio grazie a te e te ne sono immensamente grata.
    Comunque, sono logorroica, me ne rendo conto. Torno in argomento, ho in lista "Aspetta Primavera, Bandini" di Fante (di cui ho letto solo Chiedi alla Polvere), tutto Saramago di cui mi sono innamorata dopo aver letto Cecità e vari libri di arte e fotografia che è meglio non elencare perché sono troppi. Altri sono tra quelli che hai consigliato tu o che ho visto nella tua libreria di aNobii, ad esempio "Il panico quotidiano", "Rumore bianco" e "Sofia si veste sempre di nero".
    Penso che se entrassi in libreria in questo momento sarebbe la fine, ma mi sono ripromessa di alleggerire un po' la scorta prima di fare altri acquisti. Ce la posso fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh :)Di Fante ti consiglio vivamente "la confraternita dell'uva". Un libro fantastico. Saramago è fantastico, sì. Spero che il tuo piano vada in porto. Con me non funziona ahahah

      Elimina
    2. Avevo puntato anche quello. Diciamo che il mio piano è una mezza bufala perché ho iniziato due mesi fa e nel frattempo ho "dovuto" comprare altri libri perché non sfruttare determinati sconti mi sembrava un delitto. Continuo ad autogiusticarmi e a trovare scuse che non reggono.
      Comunque, grazie mille per il consiglio :)

      Elimina
  5. Concordo con Gabriele, sei fonte inesauribile di titoli e rovina dei lettori compulsivi, sallo! :P
    Da quando lessi un tuo post su Fb, saranno secoli che cerco invano "Sofia si veste sempre di nero"... e non lo trovo mai, in nessuna libreria di quelle in cui vado di solito!
    Altro titolo da wishlist è "Uomini e topi" di Steinbeck, non più rinvenuto - sul punto di acquistarlo, ma riposto sullo scaffale alla vista della fila interminabile alla cassa - scema io che in libreria ci andai a Natale, ecco.
    E infine "Fahrenheit 451", consigliatomi vivamente da un amico. E quest'ultimo mai che lo riuscissi a trovare, invasa dagli altri tanti titoli ancora che m'investono appena entro in una libreria... un vortice che ti prende e non ti lascia più via.

    RispondiElimina
  6. Sto finendo di leggere Yellow Birds e te lo consiglio vivamente! E' scritto benissimo (Powers di formazione è un poeta, quindi immagina le descrizioni), è potente e onesto.

    RispondiElimina